Seleziona una pagina

Federico Petarca

Ricercatore presso il Consorzio Polo Tecnologico Magona di Cecina (LI), Responsabile della Sede di Cecina della Segreteria Studenti dell’Università di Pisa.

In me sangue abruzzese e toscano, ho conosciuto Dodo da ragazzino molti anni fa su un campo di basket a Giulianova. Ricordo sempre che il primo approccio fu, sportivamente parlando, agonistico-conflittuale, ad entrambi piaceva particolarmente competere sul rettangolo di gioco, da quel momento ebbe inizio la nostra fraterna amicizia. Un’amicizia nata nel segno dello sport e di quei valori in cui siamo cresciuti e che continuano ad accompagnarci nella vita di tutti i giorni: l’impegno, la collaborazione, la partecipazione, l’appartenenza, il rispetto reciproco e delle regole, l’etica morale.

Di Dodo apprezzo da sempre il marcato senso di responsabilità, la lealtà, la genuinità talvolta anche fin troppo prorompente, la cultura, il senso di appartenenza alla comunità ed al territorio a cui è profondamente legato; l’Abruzzo che anche io ho a cuore.

Stimo in lui il senso civico e l’impegno politico disinteressato, che nasce da una passione adolescenziale e dall’amore per la propria terra. Credo che l’elettore abruzzese abbia oggi una grande opportunità, in un periodo storico in cui troppo spesso ci troviamo rappresentati da politici che mostrano scarse competenze e professionalità e spesso sudditanze: votare Dodo significa certamente affidare la propria voce, il proprio voto ad una persona preparata, determinata, coerente, disponibile all’ascolto, che fa politica per gli interessi della comunità.

Dodo è certamente la persona giusta per poter rappresentare i cittadini, affrontare le sfide che la società moderna propone quotidianamente, mettere a disposizione le proprie capacità, la propria esperienza maturata sul campo per un territorio che conosce molto bene, la regione Abruzzo.
Un voto all’uomo, al professionista, all’amico di tutti, un voto per Dodo, uno di noi